Massimo Piombo riacquista il 100% del marchio da Hilton-Vestimenta

Si scioglie dopo tre anni la joint venture che legava Massimo Piombo al gruppo Hilton-Vestimenta. Il designer-imprenditore di Varazze, Savona, ha ora in mano il 100% del brand, fino a ieri gestito pariteticamente con il gruppo di Trento.
All’indomani della separazione, le due realtà restano comunque legate da un accordo di licenza valido per le prossime tre stagioni, in base al quale la Hilton-Vestimenta produrrà e distribuirà la collezione maschile di Massimo Piombo. E se fino a ieri Massimo Piombo aveva ricoperto il ruolo di presidente e direttore creativo della Massimo Piombo, affiancato dal patron del gruppo di Trento, Giovanni Bassetti, nel ruolo di amministratore delegato della joint venture, ora riunirà nella sua figura le cariche di presidente, amministratore delegato e direttore creativo.
“I rapporti con la Hilton-Vestimenta erano e sono ottimi – spiega a fashionmagazine.it Massimo Piombo – tanto è vero che restano nostri licenziatari. L’obiettivo per il marchio, però, è quello di uno sviluppo internazionale che necessita di una struttura ad hoc”. A tal fine Piombo non esclude l’arrivo di un partner finanziario importante, forse un fondo quotato in Borsa.
Oggi il marchio Massimo Piombo genera un fatturato diretto di circa 6 milioni di euro, più i ricavi che derivano dalle società satellite che operano all’estero, con un indebitamento zero nei confronti delle banche.
c.me.
stats