Mbfg perde terreno in Borsa nonostante il progetto di Opa

Mentre ci si avvia alla chiusura della seduta, il Mariella Burani Fashion Group perde quota in Borsa, condizionato dal trend negativo di Piazza Affari (-2% circa) e delle maggiori piazze europe: le azioni sono scambiate a 15,23 euro, in discesa dell'1,23%. E dire che all'avvio delle contrattazioni mostravano un recupero di oltre il 5%, grazie alla prospettiva del lancio di un'Opa a un prezzo compreso tra i 17 e i 18 euro per azione.
A seguito di indiscrezioni di stampa emerse nel weekend, la holding della moda ha infatti confermato l'esistenza di un progetto relativo al lancio di un'offerta pubblica d'acquisto parziale o totale (con relativo prezzo) che avverrebbe mediante una società veicolo controllata dalla famiglia Burani (attuale azionista di controllo del Mbfg) e partecipata da “investitori strategici industriali”. Recenti rumors vedono, tra i potenziali azionisti, imprenditori con cui il Mbfg è già in affari, come il distributore Damas Jewellery, nel 2007 diventato partner di una joint venture attiva nel settore fashion jewellery.
L'obiettivo dell'offerta sarebbe il delisting dalla Borsa di Milano, dove il titolo in un anno ha perso oltre il 40% del proprio valore.
Il maggiore azionista del Mbfg, con una quota di oltre il 60%, è la società della famiglia fondatrice Burani Designer Holding, che oggi ha annunciato due nuove acquisizioni nel settore food e la creazione di una jv con la libanese Malia Holding (vedi news di oggi) per lo sviluppo di un network retail in Oriente.
e.f.
stats