McQueen in Savile Row e (forse) uno store "menswear only" di Burberry a Knightsbridge

Sarebbe imminente l'apertura di un flagship di Alexander McQueen, interamente dedicato alla moda uomo, nella via londinese dove Lee McQueen cominciò la sua carriera: Savile Row. Intanto, secondo indiscrezioni, un'altra griffe made in Britain, Burberry, starebbe pensando a un monomarca interamente al maschile sulle rive del Tamigi.
Il progetto di Alexander McQueen - frutto di una collaborazione con The Pollen Estate, proprietaria di una parte consistente di Savile Row - ha destato parecchio interesse nei media del Regno Unito, che riportano l'indirizzo (il numero 9 della celebre strada, culla della sartorialità inglese) e la superficie (circa 400 metri quadri), specificando che si tratterà di due piani, uno dedicato al ready-to-wear e l'altro al su misura.
Parallelamente, si fanno insistenti le voci in base alle quali Burberry - nel contesto di un nuovo fiscal year all'insegna di investimenti compresi fra i 180 e i 200 milioni di sterline, da destinare principalmente alla distribuzione - sarebbe in procinto di avviare la sua prima vetrina "menswear only" a fianco del negozio di Brompton road, a Knightsbridge. Ma i riflettori, per questa label, sono attualmente puntati soprattutto sul nuovo avamposto di Regent street: riuscirà ad aprire durante le Olimpiadi? In un'intervista, il cfo Stacey Cartwright ha minimizzato l'impatto di un eventuale ritardo. "Non siamo particolarmente focalizzati su questa scadenza - ha affermato - così come non lo è il target cui ci rivolgiamo: quindi non intendiamo affannarci".
a.b.
stats