Mi Milano Prêt-à-Porter chiude a +6%: boom di compratori asiatici, in calo gli italiani

Si è chiusa con 8.196 operatori (+6% rispetto all'edizione settembre 2010), Mi Milano Prêt-à-Porter, il salone della moda femminile e degli accessori, tenutosi a Fieramilanocity dal 23 settembre a oggi. In netta crescita - fanno sapere gli organizzatori - gli operatori internazionali, con incrementi a due cifre per i buyer provenienti dalle ex repubbliche baltiche e dall'Estremo Oriente, con in testa Corea e Giappone, e una sostanziale tenuta del mercato europeo, con il ritorno dei compratori inglesi e tedeschi.
In calo gli operatori italiani, che hanno concentrato la loro presenza nella giornata di domenica. “I numeri hanno la loro importanza - afferma Marco Serioli, direttore della divisione Exhibitions di Fiera Milano -. Le nostre aziende hanno sempre più bisogno di concentrarsi sull'export per compensare il calo dei fatturati in Italia ed è per noi significativo l'aver sfiorato il 30% di operatori esteri”.
Il salone ha presentato 240 collezioni per la prossima primavera estate 2012.
an.bi.
stats