Milano Moda Donna: sartorialità, sicilianità e sensualità da Dolce & Gabbana

Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno puntato su una formula insolita, nella sfilata di ieri all'interno del Metropol di viale Piave: lo show è stato infatti accompagnato da un video che mostrava il lavoro a monte di una sfilata, con i due stilisti impegnati a fianco di sarti e modellisti, per creare una collezione all'insegna di sartorialità, sicilianità e sensualità.
Protagonista del défilé è stata la giacca sviluppata in diverse proporzioni e lunghezze, abbinata a mini abiti con applicazioni in pizzo, short lingerie e bermuda attillati a vita alta oppure di taglio morbido, appena sopra il ginocchio. È andato in scena il gioco dei contrasti: lungo e corto, leggero (come lo chiffon) e pesante (come la maglia), strutturato e destrutturato, con abbinamenti insoliti come il bolerino maculato da portare con una gonna fluttuante a pois bianchi.
Di nuovo in auge, dopo stagioni di declino, il tailleur con gonna dritta e giacchina a scatola e immancabile un capo-feticcio, l'abito in macramé, corto o al ginocchio, simbolo per eccellenza di una passionalità mediterranea. Nella palette cromatica il podio è spettato al nero in infinite declinazioni, cui si sono alternati il rosso intenso per gli abiti drappeggiati su un lato, il giallo limone per i modelli sottoveste di gusto rétro, il grigio scuro per i capispalla più pesanti e pennellate di bianco, rosa e verde acquarello per le fantasie floreali tipo tappezzeria. Importante come sempre il ruolo degli accessori: le borse "Sicily" in vari materiali, le scarpe décolleté, gli stivali fascianti, i vezzosi portamonete da portare appesi al collo e le grandi spille da balia, impreziosite da pendenti dorati che ricordano gli ex voto.
Un fashion show applaudito da molti compratori italiani e stranieri: "È da tanto tempo che non provavo un'emozione come questa - ha commentato Mauro Sighinolfi, titolare dei multimarca Della Martira con sede a Carpi (Mo) -. Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno espresso al meglio l'essenza del loro lavoro e del made in Italy: un capo va concepito e realizzato ad arte, prima ancora che venduto. Ci hanno riportato agli inizi della nostra attività, offrendoci una grande lezione di stile".
"Ho trovato l'idea del video fantastica e in grado di suscitare forti sentimenti - ha precisato Wafaa Abbar di Rubaiyat Modern Luxury, con sede a Jeddah in Arabia Saudita -. Uno show con un grande ritmo, anche nella presentazione dei colori, per una collezione che definirei sexy-pratica: splendidi abiti, tailleur e giacche perfetti sia di giorno, sia di sera".
a.b./e.c.
stats