Milano Moda Uomo: al via domani la fashion week

L’abbigliamento maschile per l’autunno-inverno 2010/2011 sarà protagonista sulle passerelle milanesi da domani fino a martedì 19 gennaio: un’intensa quattro giorni con 40 sfilate, di cui due fuori calendario, e 50 presentazioni (nella foto, una proposta di John Richmond alla scorsa edizione della kermesse).
In città sono attesi circa 10mila operatori del settore provenienti da tutto il mondo e un migliaio di rappresentanti dei mezzi di comunicazione nazionali e internazionali.
Una prova fondamentale per il menswear, che secondo le stime di Smi sul 2009 ha incassato un calo del 9,7% nel giro d’affari, scendendo al di sotto dei 9 miliardi di euro. Ma Mario Boselli, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, è ottimista: “Sono convinto che Milano Moda Uomo contribuirà ad accelerare il trend di ripresa, che nella parte finale dell’anno è stata troppo debole”. “I presupposti ci sono – aggiunge -. Quindi guardo con fiducia ai prossimi giorni”.
Intenso, come dicevamo, il calendario: domani ad aprire le danze sarà Carlo Pignatelli Outside, seguito da Ermenegildo Zegna, C.P. Company, Costume National Homme, Jil Sander, Emporio Armani, Burberry Prorsum e Les Hommes. Domenica 17 gennaio toccherà invece, tra gli altri, a Gianfranco Ferré, Roberto Cavalli, Salvatore Ferragamo, Gazzarrini (che torna nuovamente in passerella) e Prada.
Lunedì 18 il testimone passerà a griffe come Pringle of Scotland (altra new entry: non sfilava dal 2005), Dirk Bikkembergs, Gucci, John Richmond, Etro, Canali, Versace e Alexander McQueen, per citarne alcune. Mentre la chiusura della kermesse spetterà, martedì 19 gennaio, a Dsquared2, Giorgio Armani, Ermanno Scervino, Iceberg e ZZegna.
Tra le news di questa edizione, anche il rientro nell’agenda delle presentazioni di Haute e Mila Schön e il debutto del menswear a marchio Galliano.
a.t.
stats