Milano Moda Uomo: il disinvolto lusso senza tempo di Gucci

Senza azzardi e senza sbavature, Frida Giannini ha definito oggi un inappuntabile modello di eleganza atemporale, che opta per capi rilassati, nel segno della migliore tradizione del made in Italy. La composta immagine che ne deriva, enfatizzata sulla passerella da uno styling all’insegna dello chic rilassato, rilegge i simboli dell’urbanwear sartoriale (nella foto, un momento della sfilata).
Lo fa con una vestibilità asciutta, ma non troppo aderente e con particolari studiatissimi: fodere con stampe foulard di gusto vintage, bottoni e profilature in pelle, monocrome lavorazioni a diamante. Il lusso di cui la griffe continua a farsi portavoce rifulge senza clamore nel blazer in canguro con stampa ocelot, nella sahariana in coccodrillo trattato effetto nabuk, nella giacca in castoro biondo lavorata a maglia con parziali intarsi a contrasto, nel bomber in shearling e lana intrecciati.
Qua e là si colgono vaghe citazioni dello stile equestre, al quale fanno esplicito riferimento i pantaloni tagliati alla caviglia e gli iconici morsetti degli immancabili mocassini che, per il prossimo autunno/inverno, il marchio fiorentino ha proposto in pelle di struzzo lucidata a mano con la suola sportiva.
Per la sera la collezione mette in campo blazer in astrakan e cavallino nei caldi toni del bordeaux, del bronzo e del blu inchiostro. Tra i nuovi accessori di culto del brand si segnalano la nuova borsa “Half moon” e la ventiquattrore ultra slim in canguro maculato.
r.m.
stats