Milano Moda Uomo: il safari casual chic di Ermanno Scervino

Si respira una rinfrescante atmosfera da vacanza in città nell’ultima collezione dello stilista toscano che con la rilassata coerenza che lo contraddistingue, ha assorbito e filtrato nelle sue ultime proposte maschili rarefatte note di esotismo ed eco raffinatezze di gusto dandy.
Tra i capi che meglio esemplificano la stagionale filosofia del brand si segnalano le giacche sfoderate in rafia naturale (un materiale da sempre molto amato designer che non perde occasione per proporlo nella sua moda e pure nelle sue proposte di homewear), i bermuda in camoscio, gli short in lucido shantung e le camicie a righe e a quadretti Vichy costruite con disinvolta sapienza sartoriale e talvolta sovrapposte tra di loro per rendere evidente la leggerezza che li contraddistingue.
Il gioco delle sovrapposizioni ha coinvolto anche alcuni modelli di T-shirt peso piuma con impercettibili fiamma ture monocrome che hanno disinvoltamente dialogato con cerulei blazer in chambray di seta dai profili tagliati al vivo, una giacca reversibile a micro righe che può trasformarsi in un barracuda beige e un modello di “chiodo” in camoscio color terra con inserti in maglia. Lo show di Scervino, inaugurato da una modella vestita con una giacca microarmaturata e un paio di short chiusi da una cintura-cravatta, si è concluso con una applaudita parata di camicie bianche con ajour, micro pilissettature e interventi di pizzo Sangallo.
r.m.
stats