Milano Unica fa l'en plein di visitatori

Positivo il risultato della seconda edizione di Milano Unica: il salone tessile - che ha riunito fino a oggi nel centro espositivo di Rho-Pero le rassegne Moda In, Prato Expo, Ideabiella, IdeaComo e Shirt Avenue - ha totalizzato 30.176 visitatori in rappresentanza di 16.568 aziende, di cui 5.070 estere.
Una cifra, quest'ultima, in aumento del 15,41% rispetto a quella dell'esordio, che aveva registrato 27.500 ingressi complessivi. La risposta più vivace è arrivata dai cosiddetti "Paesi emergenti", come Corea, India, Brasile e Hong Kong, ma anche i mercati "tradizionali" si sono difesi bene, con picchi di adesioni da Spagna (+34%), Germania (+35%) e Gran Bretagna (+26%). "Una performance resa possibile grazie anche all'intenso lavoro di promozione realizzato in collaborazione con l'Ice - sottolineano gli organizzatori - tramite i road show di presentazione nelle capitali internazionali, senza contare il prezioso supporto del ministero delle Attività Produttive".
Visibilmente soddisfatto il portavoce di Milano Unica, Paolo Zegna, che ha precisato come i dati di chiusura siano particolarmente significativi, "alla luce del fatto che questa sessione era dedicata alla primavera-estate, un appuntamento tradizionalmente meno importante in confronto con quello invernale".
Fra gli obiettivi futuri della manifestazione - che, dopo l'esperienza a Rho-Pero, punta a tornare alla sede del Portello - spicca "un'intercettazione più mirata della clientela specializzata nell'abbigliamento femminile, in particolare proveniente dall'Estremo Oriente". "Dobbiamo fare diventare la nostra esposizione - ha detto Zegna - un vero e proprio evento di moda, assolutamente imperdibile. Possiamo inoltre integrarci ancora meglio con la città di Milano, che con il suo patrimonio culturale, artistico e di intrattenimento, può contribuire a consolidare il rapporto con i nostri interlocutori". "Ma non dobbiamo tralasciare - ha concluso - il collegamento con i distretti produttivi, per fare capire il bagaglio di cultura, innovazione e ricerca che dà origine ai nostri prodotti".
a.b.
stats