MilanoVendeModa: le future sfide della formazione per il tessile-abbigliamento

In visita ieri al salone MilanoVendeModa, il presidente della commissione cultura della Camera, Valentina Aprea, ha incontrato alcuni espositori e parlato del progetto di riforma degli istituti tecnici professionali, che dovrebbe partire già da quest’anno ed essere a pieno regime entro il 2011.
Il primo passo è la riduzione dei 900 indirizzi sperimentali a poche macroaree, attraverso le quali valorizzare i vari distretti produttivi. Aprea ha promesso inoltre di mettere al più presto a disposizione delle imprese sul territorio, nei vari distretti produttivi del Paese, le scuole in grado di preparare le maestranze del comparto moda.
Aprea ha chiesto infine agli imprenditori di continuare a investire sul made in Italy e di dare la disponibilità per accogliere un apprendistato professionalizzante, che potrebbe essere una forte leva per ridare forza all’occupazione.
Le aziende, dal canto loro, in una fase delicata e incerta come quella attuale, avanzano al governo istanze precise come la riduzione del carico contributivo, l’incentivazione alla formazione (anche dal punto di vista remunerativo), una certificazione davvero seria del Made in Italy e alle banche una maggiore flessibilità per accedere al credito e poter così fronteggiare con più serenità il momento di crisi.
l.sc.
stats