Mina Lee torna alla ribalta con una capsule

Mina Lee, già direttore artistico della linea Derercuny, di proprietà della divisione Samsung Fashion del colosso coreano, lancia con l'autunno-inverno 2010/2011 la capsule collection Mina J Lee, in cui si ritrovano le coordinate del suo stile: tratti decisi alternati a trame appena accennate.
La linea si fa portavoce di un "lusso sottovoce", come precisa la stessa Mina Lee, espressione di una femminilità in bilico tra sensibilità e forza, astrazione e pragmatismo. L'ispirazione nasce, oltre che dalle radici della fashion designer, dall'atmosfera di certi quadri di Magritte, ma anche dalla pulizia estetica dei modelli che uscivano dagli atelier degli anni Quaranta.
I tessuti spaziano dalla strutturata natura della lana armaturata all'avvolgenza dei velour d'angora, fino alla mano secca e scattante dei crêpe, per abiti di impronta sartoriale che si alternano a scintillanti modelli in satin di pura seta.
Gli accessori, in primis i monili in perle di vetro, sono in sintonia con un'immagine rarefatta ma incisiva, che viene ribadita dalla rigorosa palette cromatica, giocata sui neri, i blu e i grigi antracite. Mina J Lee è in distribuzione dal 15 febbraio al 30 marzo presso lo spazio milanese Papaveri Showroom, in via Ciro Menotti 9.
a.b.
stats