Mipel: meno americani e più russi al salone della pelletteria, che conferma i numeri del 2007

Mipel, il salone della pelletteria che nei giorni scorsi ha presentato a Milano le novità per il prossimo inverno, ha chiuso a quota 18.251 operatori intervenuti, di cui 9.871 stranieri e 8.380 italiani. Numeri sostanzialmente in linea con quelli registrati a marzo 2007. La prevista flessione di compratori statunitensi, dovuta al dollaro debole, è stata infatti compensata dall’arrivo dei russi (+11%).
Anche le presenze dal Giappone sono risultate in crescita (+5,4%), mentre segnali contrastanti hanno caratterizzato i Paesi europei: se la Francia è stata infatti meno “fedele” del solito, Spagna, Grecia e Gran Bretagna non hanno fatto mancare buyer alla manifestazione.
Come consuetudine, durante la serata di gala organizzata da Mipel in occasione del salone sono stati consegnati i premi Mipel… issima, riservati alle aziende partecipanti. Per la categoria “Immagine e Comunicazione” la giuria ha scelto la linea L’Alì, disegnata dalla stilista Alessia Rubagotti; per “Innovazione di prodotto” si è distinto il marchio automobilistico Mini, per la prima volta presente a Mipel con linee di borse sia femminili, sia maschili; vincitrice per “Qualità” è risultata invece Tarco Group di Modena, attiva con il brand Tardini, specializzato nelle proposte in coccodrillo; infine, la palma per gli “Accessories” è andata alla spagnola Mundi Accessories, leader per varietà d’offerta nei portafogli in pelle per uomo e donna.
Il prossimo appuntamento con Mipel è fissato dal 18 al 21 settembre 2008.
e.a.
stats