Moncler: concluso l’accordo con Balenciaga per una mini-linea in co-branding

È previsto per febbraio l’esordio della mini-linea di piumini femminili realizzata in collaborazione tra Moncler e Balenciaga, griffe che fa capo al gruppo Gucci, disegnata da Nicolas Ghesquière. Una collaborazione che segue quella avviata lo scorso anno con i piumini siglati Junya Watanabe-Comme des Garçons Man by Moncler.
"È la messa in atto del progetto iniziale stilato quando ho acquisito il marchio nel 2003. All’epoca era un total look dove la matrice del piumino si era persa – spiega a fashionmagazine.it Remo Ruffini, stilista e azionista di riferimento del brand – Al contrario, io ho voluto lavorare sul piumino a livello globale, esplorandone le diverse potenzialità, anche nella fascia più alta". Si attende dunque la fine di febbraio per prendere visione dei nuovi capi realizzati con Balenciaga per la donna, che partono con l’inverno 2005-2006. A fine gennaio a Parigi va in scena invece la collezione uomo Junya Watanabe-Comme des Garçons per la prossima stagione fredda, "un’etichetta che ha avuto un ottimo sell-out sull’invernale scorso – puntualizza Ruffini – con capi in vendita a 800/900 euro al pubblico presso una distribuzione ultra-selezionata".
Intanto si guarda al futuro con l’ipotesi di nuove alleanze. "Vorrei stringere accordi con uno stilista per una linea uomo e donna di matrice sportiva e con un creatore per un pacchetto donna di impostazione couture/sartoriale", conclude Ruffini. Intanto si fissa in maggio l’esordio del nuovo concept dei negozi monomarca Moncler, con inaugurazione a Saint Moritz in una nuova location rispetto al precedente punto vendita. Obiettivi successivi, Milano e Parigi. Moncler ha chiuso il 2004 con un fatturato di 70 milioni di euro, in crescita rispetto ai 55 del 2003. Oggi è una realtà che fa capo per il 51% a Remo Ruffini, per il 24% a Vela Financial Holding (una finanziaria svizzera) mentre per il resto è di Pepper Industries, che produce la collezione.
c.me.
stats