Moschino: Thierry Andretta lascia vacante il posto di ceo

Finisce l’avventura di Thierry Andretta in Moschino. Il manager - con un passato in gruppi del lusso come Gucci, Lvmh e Ferragamo, ma anche di azionista e guida di Belfe – ha concluso il suo rapporto con il Gruppo Aeffe, all’interno del quale da due anni ricopriva il ruolo di amministratore delegato della griffe più irriverente. La prossima destinazione sarà Ittierre?
Voci di stampa danno infatti Andretta in pole position come possibile a.d. dell’azienda molisana nell’era Billy Ngok, qualora vada in porto la cessione al magnate di Hong Kong di questa società, che fa capo a It Holding. Ma al momento la notizia non trova conferme, a causa della riservatezza richiesta dalle trattative ancora in corso.
Aeffe si riserva di comunicare più avanti chi prenderà il posto di Andretta al vertice di Moschino. La griffe ha conseguito ricavi consolidati per 136,8 milioni di euro nel 2007, contribuendo per il 46,7% al giro d’affari del gruppo. Nei primi nove mesi del 2008 il brand ha messo a segno un aumento dell’8,1% a tassi di cambio costanti, arrivando ad avere un’incidenza del 47,6% sul fatturato totale dell’azienda, nel cui portfolio ci sono anche i marchi Alberta Ferretti, Pollini e Jean Paul Gaultier.
e.a.
stats