Moscow Fashion Expo: bilancio positivo

Bilancio positivo per la sesta edizione di Moscow Fashion Expo, rassegna che nei padiglioni del centro Crocus Expo di Mosca ha riunito 120 collezioni di abbigliamento, accessori, pelletteria e calzature, l’85% delle quale italiane. Sono saliti a 2.834, +9% rispetto all’edizione di marzo, i buyer provenienti dalle principali province russe.
Particolare soddisfazione esprime Federico Zen, responsabile del mercato russo per Baldinini: “Rispetto al precedente appuntamento questo si è rivelato decisamente più interessante, perché anticipato rispetto alla più importante rassegna dedicata alle calzature, Micam". "Il calendario attuale - ha precisato - ci mette in condizione di adeguare la produzione e le consegne a tempistiche più compresse. I buyer preferiscono stendere gli ordini prima possibile, per non rischiare di ricevere le merci in ritardo". Come sta cambiando l’economia russa? "Si sta adeguando agli standard di trasparenza doganale europei e i controlli si fanno più accurati e frequenti - ha risposto il manager - rallentando i tempi di arrivo a destinazione dei prodotti. Il vantaggio è che ci sarà una selezione che premierà gli imprenditori locali più professionali, facendo piazza pulita dei tanti improvvisatori poco seri. Per noi questo significherà un’ulteriore possibilità di crescita”.
Per la prima volta presente alla manifestazione, Classico Italia (che riunisce 22 nomi eccellenti, ma a Mosca ne ha presentati nove, peraltro già distribuiti sul mercato russo) ha colto questa opportunità, spiega Claudio Marenzi, presidente del consorzio e titolare di Herno, come “un’occasione importante per aprire un dialogo con possibili partner di province lontane, che a Milano e Firenze non arrivano”.
Soddisfatto anche Roberto Righi, direttore della manifestazione. “Siamo molto contenti dell’andamento di questa sesta edizione – ha commentato -. In Russia oggi i compratori ricercano sempre più l’originalità: il mercato si sta evolvendo e sta diventando più raffinato. Moscow Fashion Expo si rivolge a questo tipo di interlocutori, offrendo una vetrina esclusiva di brand italiani ed europei. Anche l’appuntamento appena concluso ha confermato che la direzione scelta è giusta. Per il futuro, il nostro sguardo sarà rivolto sempre più alle province dell'ex Urss”.
L’obiettivo è appunto quello di coinvolgere ancor di più i buyer di tutto il territorio russo, con azioni e iniziative mirate. Un primo passo è stato fatto con questa edizione che, nel corso della serata di inaugurazione, ha ospitato il concorso Super Model of the World, promosso dall’agenzia russa Point e vinto dalla modella Yulia Piankova proveniente da Magnitogorsk, negli Urali.
l.sc.
stats