Movimento nel top management di Inditex

Dopo le recenti dimissioni di José Maria Castellano Rios dalle cariche di vice chairman e membro del board, novità nel top management di Inditex. Intanto c’è chi non crede alle “ragioni personali” addotte dall’ex ceo del gruppo spagnolo, cui fanno capo, fra le altre, le insegne Zara e Massimo Dutti.
Successivamente all' uscita di scena di Castellano, nel fine settimana, il colosso spagnolo ha deciso che l’attuale ceo Pablo Isla Alvarez de Tejera siederà anche sulla poltrona di vicepresidente. Carlos Espinosa de los Monteros y Bernaldo de Quiros, nel board dal 1997, sarà a sua volta vicepresidente ma con un ruolo non esecutivo.
Secondo alcune fonti, pare che il miliardario Amancio Ortega, fondatore di Inditex, e Castellano - ceo di Inditex per più di otto anni, prima della nomina di Pablo Isla Alvarez - mantenessero opinioni divergenti in merito alla conduzione della società, precipitate in seguito alle dimissioni del managing director Juan Carlos Rodriguez Cebrian, nel febbraio scorso.
Secondo quanto pubblicato dal quotidiano spagnolo Cinco Dias, per Castellano vi sarebbe in gioco il comando di Union Fenosa. Ortega avrebbe deciso di rilevare una quota del 20% del capitale del gruppo iberico dell’energia con la società Jacinto Rey, attiva in diversi comparti, e l’azienda di servizi finanziari Caixanova. La Jacinto Rey approverebbe Castellano come chairman di Union Fenosa, mentre Ortega si sarebbe pronunciato a sfavore.
fi
stats