Nasce la "garanzia di autenticità" per i temporary store

È già entrata in vigore la "garanzia di autenticità" per i 50 negozi a tempo associati ad Assotemporary. Insieme all’omonimo simbolo che sarà esposto nei punti vendita per mezzo di una vetrofania, è stato approvato il pentalogo dei temporary shop.
“È un’iniziativa che nasce dal desiderio di fare chiarezza nei confronti di questo fenomeno - spiega a fashionmagazine.it Massimo Costa, segretario generale di Assotemporary -. Uno degli errori più comuni consiste nel confondere l’esperienza dello spazio a tempo con le formule di vendite eccezionali che abitualmente vengono definite outlet”.
“Noi non siamo contrari all’apertura di un negozio discount per un determinato periodo di tempo - aggiunge Costa -. Chiediamo semplicemente che il retailer scriva correttamente sulla vetrina ‘temporary outlet’ e che si attenga al nostro pentalogo, che rappresenta una sintesi delle regole basilari da rispettare a livello di commercio, relative a quattro argomenti orari, saldi, vendite straordinarie e correttezza professionale”.
“Il quinto punto più che una norma è un principio - conclude il segretario generale -. I temporary non devono creare disagi o situazioni di concorrenza sleale nei confronti degli altri operatori commerciali, bensì devono contribuire a rivitalizzare le vie o i luoghi in cui si trovano”.
Attualmente gli associati ad Assotemporary sono 50, di cui circa 40 a Milano e i restanti attivi nelle città di Venezia, Torino, Bologna, Firenze e Roma.
e.c.
stats