New York: l’11 settembre due anni dopo

Per il secondo anniversario dell'attacco terroristico al World Trade Center i department store newyorkesi, pur dedicando le loro vetrine alla commemorazione degli oltre duemila morti, effettuano il normale orario di lavoro, differentemente da ciò che è successo lo scorso anno.
Allora i vari Neiman Marcus & co. aprirono al pubblico intorno alle 11 per dare la possibilità ai dipendenti di recarsi alle cerimonie religiose che anche quest'anno si tengono, comunque, nei vari luoghi di culto della città e di tutti gli Stati Uniti.
Saks tiene le vetrine lungo la Fifth Avenue coperte da un telo nero con la scritta "In memoria", mentre in quelle agli angoli con la 49esima e 50esima strada sono allestite immense composizioni floreali con i colori della bandiera americana. Prima dell'apertura è previsto un minuto di silenzio. Stessa forma di raccoglimento per Barneys New York sulla Madison Avenue e per tutti i punti vendita Bloomingdale’s negli Stati Uniti. Le vetrine di Henri Bendel, sulla Quinta, sono invece nascoste da due grandi bandiere a stelle e strisce, mentre Macy's già ieri aveva onorato l'11 settembre donando 100.000 dollari al museo della Polizia della città di New York. Le tre vetrine di Bergdorf Goodman che si aprono sulla 58esima Strada ospitano installazioni dell'artista Manju Shandler in onore delle vittime.
a.g.
stats