Nike: -30% gli utili netti nel quarto trimestre

Nell’ultimo quarter dell’anno Nike ha registrato un fatturato in calo del 7%, a quota 4,7 miliardi di dollari, mentre i profitti sono scesi a 341,4 milioni, cedendo il 30%. I ricavi a 12 mesi sono avanzati del 3% a 19,2 miliardi, trainati dagli Usa (+2%) e dall’area Asia-Pacifico (+10%); gli utili netti sono invece arretrati a 1,49 miliardi (-21%).
Negli ultimi tre mesi del fiscal year, il colosso dello sportswear con sede a Beaverton (Oregon) ha registrato un turnover in frenata in quasi tutti i mercati (esclusa l’Asia, dove le vendite sono rimaste pressoché invariate): -2% sul territorio statunitense (male soprattutto l’apparel, segno più per footwear ed equipment), -19% nella zona Emea (che ha anche segnato un calo del 2% a livello annuale), -3% nelle Americhe, con una flessione marcata del segmento abbigliamento parzialmente compensata dai risultati positivi delle calzature.
Gli ordini per il brand Nike, con consegna prevista fra giugno e novembre 2009, ammontano a 7,8 miliardi, -12% rispetto allo stesso periodo di un anno fa (-24% gli ordinativi dall’Emea). Per ridurre i costi, la società aveva annunciato a metà maggio il taglio del 5% del proprio organico worldwide: circa 1.750 dipendenti, di cui 500 impiegati nel quartier generale di Beaverton.
d.p.
stats