Nike: i ricavi trimestrali salgono del 9%, ma l'Europa delude

Nike chiude il terzo trimestre con vendite per 3,6 miliardi di dollari dai 3,3 dell’analogo periodo dello scorso anno (+9%). Incrementi a cifra doppia per tutti i principali mercati di riferimento tranne che per l’Europa, dove i ricavi scendono complessivamente del 5% a 980,1 milioni di dollari, con un -8% per il footwear e un -1% per l’abbigliamento.
Negli Usa il leader mondiale dello sportswear ha raggiunto quota 1,4 miliardi di dollari di fatturato (+14%), mentre nelle Americhe ha totalizzato 203,1 milioni, con un eloquente +41%. Bene anche l’Asia-Pacifico, dove il turnover ha registrato una crescita del 13% superando i 532 milioni di dollari.
Le indicazioni del quarter dovrebbero essere confermate anche nei mesi a venire. Sulla base degli ordinativi futuri, infatti, l’area più dinamica resta quella delle Americhe. Stati Uniti e Asia-Pacifico cresceranno quasi allo stesso ritmo, mentre l’Europa (compresi Africa e Medio Oriente) manterrà il segno meno.
L’utile netto trimestrale di Nike, a 325,8 milioni di dollari, ha segnato un progresso del 19%.
e.f.
stats