Nove mesi di crescita per Hermès, ma il 2008 sarà meno dinamico

Hermès ha totalizzato, nel terzo quarter dell’anno, un turnover di 410,5 milioni di euro, in aumento del 4% rispetto all’analogo trimestre 2007 (+7,6% a cambi costanti): il fatturato del gruppo, nei nove mesi conclusi lo scorso 30 settembre, ha raggiunto quota 1,22 miliardi di euro, in progresso del 9,7% (+14,2% a valute costanti). Le incertezze congiunturali, tuttavia, costringono la società a prevedere una crescita annuale più contenuta.
Il big del lusso d’Oltralpe ha comunicato che l’aumento delle vendite nel 2008 dovrebbe attestarsi fra il 9 e il 10% (a cambi costanti), inferiore a quello ottenuto nel periodo terminato a fine settembre (+14,2%). Il risultato operativo dovrebbe raggiungere un valore vicino a quello dello scorso esercizio.
A livello distributivo, in Francia i ricavi a nove mesi sono avanzati del 13,1%, negli altri Paesi europei del 17,1% e nelle Americhe del 9,2%. Sempre a cambi correnti, le vendite nel Sol Levante hanno messo a segno un timido +1,6%, mentre la restante area Asia-Pacifico è progredita del 9,4%. Nel dettaglio dei diversi settori merceologici, positive le performance dei comparti Seta&Tessile (+10,1%), Pelletteria (+12,1%), Ready to Wear & Fashion Accessories (+6,5%); in affanno, invece, Gioielli/art of living (-5,8% sul 2007).
Nel quarto trimestre del 2008, Hermès continuerà a investire sull’espansione del proprio network distributivo: on schedule un nuovo store negli States, a San Diego, e diversi progetti nel continente asiatico.
d.p.
stats