Novità ai vertici per Safilo Group

Il consiglio di amministrazione di Safilo Group ha nominato Roberto Vedovotto nuovo amministratore delegato. Massimiliano Tabacchi assume la carica di vice presidente esecutivo, continuando nel ruolo di indirizzo e supervisione strategica del gruppo. Esaminati e approvati i risultati dei primi nove mesi 2008.
Il cda, presieduto da Vittorio Tabacchi, ha inoltre preso atto delle dimissioni di Claudio Gottardi da consigliere della società: Gottardi mantiene tuttavia le proprie funzioni nella filiale Safilo Usa.
Roberto Vedovotto riporterà direttamente a Massimiliano Tabacchi e al consiglio: 43 anni, Vedovotto era stato amministratore delegato di Safilo Group nel periodo 2002-2006 e aveva curato il processo di ristrutturazione patrimoniale del gruppo e la successiva quotazione in Borsa. In precedenza aveva lavorato per 11 anni in Morgan Stanley.
Recentemente, dopo aver trascorso due anni in Lehman Brothers, è stato in Nomura, dove ha ricoperto il ruolo di responsabile dell’Investment Banking in Italia, oltre a essere stato membro del comitato esecutivo europeo e presidente del settore dei beni di lusso per l’Europa, occupandosi delle più importanti operazioni a livello internazionale.
“Roberto Vedovotto ha un’approfondita conoscenza di Safilo, una comprovata esperienza nel nostro settore di appartenenza e un profilo manageriale e finanziario di rilievo - ha dichiarato il presidente di Safilo Group, Vittorio Tabacchi -. Sono convinto che sia la persona giusta per il raggiungimento degli obiettivi strategici del gruppo in coerenza con il percorso intrapreso e in un’ottica di creazione di valore di medio lungo periodo”.
Il cda ha anche esaminato e approvato i risultati dei primi nove mesi 2008 che hanno risentito della sempre marcata debolezza del dollaro e delle difficili condizioni dei mercati internazionali. Le vendite nette si sono attestate a 865,7 milioni di euro contro i 903,9 dei primi nove mesi 2007, in flessione del 4,2% a cambi correnti (+1,4% a cambi costanti). L’ebitda è sceso a 101,8 milioni di euro dai 130,2 dell'analogo periodo 2007, mentre l’utile netto si è portato a 14,5 milioni di euro, dai precedenti 38,7.
“I primi nove mesi dell’anno – ha detto Massimiliano Tabacchi – sono stati influenzati da una situazione economico-finanziaria internazionale caratterizzata da una forte incertezza dei mercati e da una evidente volatilità dei consumi. La stagnazione del mercato europeo è stata parzialmente compensata dal buon andamento delle vendite in America e nei mercati emergenti come Cina e Corea del Sud”.
“In questo periodo, inoltre, - ha aggiunto il vice presidente esecutivo di Safilo Group - è proseguito lo sviluppo dei progetti a lungo termine, avviati da Safilo negli ultimi dodici mesi, che puntano a una maggior efficienza della struttura produttiva, al potenziamento di quella distributiva wholesale e a un presidio più capillare nei mercati di tutto il mondo. In questa direzione si pone anche la recente estensione degli accordi di licenza delle collezioni di montature da vista e occhiali da sole a marchio Gucci, Bottega Veneta e Alexander McQueen”.
c.mo.
stats