Nuove ipotesi sul takeover di Austin Reed

Si fanno più insistenti i rumor sul takeover della fashion company britannica Austin Reed: infatti, ieri la società di investimenti Dawnay Day&Co Ltd ha aumentato la propria quota nell’azienda cui fanno capo i brand Austin Reed e Country Casuals, portandola al 18,7%.
Dawnay Day&Co, che ha cominciato a investire in Austin Reed lo scorso febbraio, ha ora rilevato il 9,2% dell’imprenditore Shami Ahmed, che sembra avere perso interesse nei confronti di questo business.
Ahmed possiede la label di jeans Joe Bloggs e detiene una quota in Moss Bloss, altra realtà del fashion che il magnate ha cercato di accaparrarsi due anni fa.
All’inizio di questo mese Nick Hollingworth, già managing director delle catene Burton e Dorothy Perkins del gruppo Arcadia, è entrato in Austin Reed come ceo, sostituendo Roger Jennings, che si è dimesso dopo un calo nelle vendite.
Lo scorso anno Austin Reed è salito più volte alla ribalta della cronaca, sia perché nel mirino di diversi pretendenti, sia in seguito al costoso remake up del flagship store di Regent Street. Nell’anno chiuso il 31 gennaio scorso, il turnover è sceso del 4% a quota 112 milioni di sterline e l’utile pretasse è letteralmente “crollato”: -84% per un totale di 1,2 milioni di sterline.
ed
stats