Officina Slowear alla conquista dell’Asia

Slowear si prepara a conquistare i mercati asiatici con l’opening di negozi Officina Slowear che offrono insieme le quattro collezioni del gruppo: Incotex, Zanone, Montedoro e Glanshirt. Lunedì la prima apertura a Hong Kong.
Partita con un punto vendita test a Milano e recentemente approdata a Parigi, l’insegna debutta l’8 giugno nell’ex colonia britannica, precisamente a Central, in Wyndham Street: “Si tratta di una freestanding boutique, scelta controcorrente per Hong Kong, dominata dai mall - illustra il ceo Mario Griariotto -. Prossime tappe Seoul, Taipei, Macao, Singapore e, nel 2010, la Cina”.
Il programma retail non fa dimenticare all’azienda l’impegno nei confronti della propria clientela wholesale: “Stiamo implementando un progetto per essere sempre più vicini ai dettaglianti partner - spiega Griariotto -. I nostri obiettivi si spostano dal sell in al sell through, con operazioni che coinvolgono vetrine, riassortimenti veloci, training del personale addetto alla vendita, comunicazione mirata e trunk show”.
Intanto Slowear tornerà anche quest’anno a Pitti Immagine Uomo, dopo il positivo rientro della scorsa stagione, con la linea Incotex Red e una formula nuova, anzi antica: uno stand chiuso dove buyer selezionati stendono gli ordini su appuntamento, proprio come si faceva una volta ai saloni. “A questa edizione la soluzione viene riproposta con ancora maggiore convinzione - conclude il manager - anche grazie all’ottimo sell out ottenuto con la Red nei negozi”.
Tutte le altre linee del gruppo, comprese le loro declinazioni al femminile, verranno invece presentate nella showroom Slowear milanese di via Ermenegildo Cantoni.
Slowear ha chiuso un anno difficile come il 2008 con un fatturato in crescita a 60 milioni di euro e un ebitda di otto milioni di euro.
c.mo.
stats