Parigi: Roger Vivier porta il suo mondo esclusivo nel web

"Eccentrica ma elegante, mai banale: ogni oggetto è molto speciale e unico": così questa mattina Inès de la Fressange, bellissima ex modella recentemente premiata con la Legion d’Onore dal presidente della repubblica Sarkozy, parlava nel ruolo di ambasciatrice del marchio Roger Vivier della nuova collezione, come sempre disegnata Da Bruno Frisoni. Una novità è il sito Internet.
“Questo è il momento di non cedere alla paura, perché le donne sono perfettamente consapevoli che è meglio comprare una cosa eccellente piuttosto che 15 cose mediocri”: è la filosofia vincente del marchio francese, che appartiene al Gruppo Tod’s e che al 30 giugno 2008 ha fatto registrare una crescita sul semestre dell’anno precedente del 26,9%.
L’occasione è stata propizia anche per presentare il sito Internet, in procinto di partire dopo un lavoro di preparazione durato due anni. Oltre a tutte le proposte e ai modelli Roger Vivier - bellissimo l’effetto del disegno che si trasforma in scarpa con un semplice touch - Inès suggerisce anche consigli e indirizzi giusti da frequentare quando si viene a Parigi. Ci sono anche quelli dei concorrenti ma, sia ben chiaro, solo di quelli di valore. Certo, la rete può essere molto pericolosa sotto il profilo delle copie ma la bella Inès è convinta che le scarpe Roger Vivier, tecnicamente, siano impossibili da copiare e realizzare.
Programmi? Nell’ottica di una scelta di estrema qualità, la maison sta cercando una degna location per aprire una boutique a Roma. Nel frattempo propone borse e pochette sfaccettate come prisma o come origami, in pitone o cuoio naturale, tacchi piramide e “Missed Heel” dove una parte della zeppa non esiste, mentre Wallis è una nuova linea di borse ispirate a un modello creato per la Duchessa di Windsor. Speciale un sandalo attraversato da un’onda stilizzata, reinterpretazione di un modello ideato alla fine degli anni Sessanta da Cristobal Balenciaga.
l.se.
stats