Parigi: da Kenzo un viaggio dalla Piazza Rossa a Place de Victoire

Stamattina a Parigi è andata in onda una delle più belle sfilate della fashion week che sta volgendo al termine. La collezione Kenzo per l'autunno-inverno 2009/2010, firmata dallo stilista Antonio Marras, ha declinato il mix migliore fra poesia e concretezza.
Marras questa volta non ha avuto dalla sua la consueta eclatante scenografia - non ha approvato quello che gli avevano preparato e quindi ha deciso di farne a meno - ma forse questo ha dato modo ai vestiti di parlare meglio del suo lavoro.
“Ho pensato a una ragazza che dalla Russia arriva nella Ville Lumière con un bagaglio di vestiti e accessori messi insieme un po’ alla rinfusa”, diceva lo stilista mentre dava gli ultimi tocchi alle modelle.
È chiaro che l’aria di Parigi porta la fanciulla a mixare Costruttivismo russo e pezzi militari, la tradizione della couture francese e i ricordi delle sue radici. Sulla passerella si assiste a una netta fusione di questi due mondi con risultati eccellenti. Esemplare in questo senso la stampa che mette insieme Place de Victoire, dove è sorta la prima boutique Kenzo, e la Piazza Rossa.
In prima fila Milla Jovovich e Marisa Berenson assistono estasiate alle uscite del lungo cappotto di maglia interamente ricamato a punto croce, pieno e tappeto, del tailleur pantalone di broccato oro, del piccolo cappotto couture a macro geometrie. Bellissime le pellicce di lapin grigio, i paltò e gli abiti in mix di jacquard nei toni del viola, il parka militare bordato di pelliccia portato su un minidress di paillettes. Speciale: la borsa di pelliccia stampata come il vestito e gli stivali, che attraverso una zip si trasformano in stivaletti.
l.se.
stats