Parigi: lo youth mood di McCartney, il minimalismo di Philo per Celine, il quotidiano chic di Ysl

Giovane, sexy, chic. La donna di Stella McCartney incede sulla passerella a ritmo funky con capi dal taglio sartoriale e dall’appeal iperfemminile. Ad applaudirla un front row di celebrity: Gwyneth Paltrow, Charlotte Casiraghi e papà Paul.
È in primo piano la giacca, dalla superficie iperlevigata, mossa da balze e ruche nei revers. I pantaloni, morbidi, riprendono la classica forma a sacchetto, mentre il jeans viene proposto nella sua versione più pulita e formale, anni Novanta. C’è anche spazio per i fiori, che spiccano sulle stampe di abiti romantici e primaverili.
Tutt’altro tenore chez Celine, dove per il suo ritorno alla direzione creativa della maison (dopo la parentesi di Ivana Omazic) Phoebe Philo sceglie la strada di un new minimalism, alla ricerca dell’anima sport chic della griffe. Il suo lessico è tutto giocato su tagli precisi e rigorosi, superfici lisce, silhouette di assoluta semplicità: miniskirt ad A, pantaloni ampi a vita alta, dal taglio sartoriale, gonne a pieghe. Più aggressive le proposte in pelle (top, miniabiti, gonne) che non rinunciano tuttavia alla geometria perfetta delle forme. I colori? Sussurrati: nero, bianco, écru e caramello.
L’abito grembiule viene investito di nuovi significati da Yves Saint Laurent: Stefano Pilati ne fa il simbolo di uno stile di vita quotidiano, che nulla ha a che spartire con glamour e paillette. Ma siamo da Ysl e la quotidianità non può che equivalere a costruzioni couture e volumi perfetti. L’abito-grembiule è proposto sia in material “umili” come lino e cotone, sia in versione sexy, in pelle e con le maniche a sbuffo. Tra le altre, interessanti, riedizioni by Pilati, i piccoli tuxedo e il pantalone alla tirolese, destrutturato.
Da segnalare l’esordio parigino di Vionnet, alla prima prova dopo l’acquisizione da parte di Matteo Marzotto e Gianni Castiglioni. I capi creati da Rodolfo Paglialunga sono raffinate e versatili, come le tuniche che nascono dall’unione di due foulard, proposte nei colori primari: bianco, nero, giallo, rosso. Non mancano ricche decorazioni e ricami tridimensionali.
m.g.
stats