Partenza moderatamente positiva per i saldi a Milano e in buona parte dell’Italia

Secondo l’Unione del Commercio nel primo giorno dei saldi a Milano, sabato scorso, sono stati spesi 60 milioni di euro, in aumento del 2% rispetto all’anno precedente. Un trend moderatamente positivo proseguito anche in questi giorni, che riflette l’andamento delle vendite scontate nella Penisola, a eccezione delle regioni non ancora coinvolte dai ribassi.
Toscana, Umbria, Bolzano e Trento partono infatti oggi. La Sardegna, invece, è al via domani, mentre la Valle D’Aosta insieme all’Abruzzo il 10.
In base alle stime di Confcommercio e Federazione Moda Italia, il valore dei saldi invernali di abbigliamento e accessori ammonterà a 6,8 miliardi di lire (+6,4% in confronto al 2008), con un’incidenza del 19,5% sul fatturato annuo del settore.
Su 24,3 milioni di famiglie italiane, 15,8 milioni compreranno prodotti ribassati, con un acquisto medio per nucleo familiare di 432 euro. “Visto che il comparto degli accessori ha dato nel periodo natalizio buoni risultati, superiori alle aspettative pessimistiche che si erano create – ha detto Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia e vice presidente di Confcommercio – nei prossimi due mesi sarà il comparto dell’abbigliamento ‘puro’ a essere maggiormente interessato dai saldi”.
e.c.
stats