Per Blugirl restyling del logo e uno store in via Spiga

Blufin consolida la crescita della linea Blugirl con un restyling del logo e con l’opening il 26 febbraio, durante Milano Moda Donna, della prima boutique monobrand milanese, al numero 48 di via della Spiga. Un inizio d’anno all’insegna del dinamismo per Blufin che dopo l’inaugurazione del nuovo showroom milanese in via Manzoni (vedi fashionmagazine.it del 23 gennaio) e l’annuncio dell’opening di una boutique monobrand Miss Blumarine, sempre a Milano (vedi fashionmagazine.it del 22 gennaio), comunica importanti novità per Blugirl.
Il marchio, nato nel 1995, dedicato alle teenager e caratterizzato da uno spirito scanzonato e irriverente, nel corso degli anni è maturato dal punto di vista dello stile e dell’immagine e oggi la collezione è diventata più adulta, sofisticata e ricercata. A seguito di questa evoluzione stilistica anche il posizionamento del brand si è alzato ed è cresciuta la consumatrice Blugirl.
Così, in concomitanza con il lancio della nuova stagione autunno-inverno 2009/2010, la maison presenta un restyling del logo che meglio esprime la nuova identità del marchio: l’indole giovane, che rimane connotativa del brand, è associata a un’attitudine piuttosto che a un concetto di età anagrafica, mentre l’ironia tipica del label si stempera in un romanticismo che la avvicina alla “sorella maggiore” Blumarine: il lettering, abbandonata la scrittura adolescenziale “a mano” e il disegno del cuore trafitto, opta per un font pulito e sofisticato.
Ma non finiscono qui le novità per Blugirl: nell’ambito del progetto di espansione capillare e di riposizionamento del marchio, infatti, apre il primo monomarca milanese del brand, 230 metri quadrati su tre livelli al numero 48 di via della Spiga, accanto al debuttante negozio monobrand Miss Blumarine. Inugurazione il 26 febbraio, in contemporanea con l'inaugurazione della già citata boutique monobrand Miss Blumarine.
La scelta per lo store Blugirl di uno stile sofisticato sia nel linguaggio formale che nei dettagli realizzativi contraddistingue il progetto curato dallo Studio Indik: purezza di linee e trasparenza dei materiali pongono un nuovo accento estetico sulle proposte, rendendole protagoniste assolute.
c.mo.
stats