Perfezionata la cessione di Moncler

Nel fine settimana è stato perfezionato il passaggio del 100% del capitale di Moncler alla società Fuori dal Sacco: una Srl partecipata al 48% dal fondo di private equity The Carlyle Group, al 38% da Ruffini Partecipazioni, al 13,5% da Brands Partners 2 e per il resto dal management. L'operazione è avvenuta al prezzo di 408 milioni di euro ed è finanziata da un pool di banche per 140 milioni di euro.
Come indicato da fashionmagazine.it del primo settembre scorso, a cedere le quote sono state Mittel Private Equity, Fondo Progressio Investimenti, Istituto Atesino di Sviluppo (Isa) e Ruffini Partecipazioni di Remo Ruffini, che resta azionista e al vertice della nuova società proprietaria del gruppo.
Anche la holding Mittel rimane tra i soci, questa volta indirettamente attraverso Brands Partners 2, di cui è azionista con il 36% del capitale. Il resto delle quote di questa realtà è in mano a Progressio Sgr (48,78% delle quote) per conto del Fondo Progressio Investimenti, e a Iniziative Finanziarie Atesine S.r.l. (società facente capo a Isa, che controlla il 15,22%).
Il Gruppo Moncler ha in portafoglio, oltre all'omonimo marchio di sportswear di alta gamma, anche i brand Henry Cotton's, Marina Yachting e Coast, Weber & Ahaus (Cwa). Ha inoltre in licenza la seconda linea di Cerruti. Per la fine del 2008 stima di raggiungere ricavi per 290 milioni di euro, il 40% dei quali realizzati all'estero.
e.f.
stats