Pierre Mantoux sbarca a Taiwan e valuta l’apertura di nuovi corner nel Far East

Prosegue l’avanzata di Pierre Mantoux nel Far East. Il marchio leader nella hosiery couture ha aperto un corner nel department store Shin Kong di Taipei. Sempre a Taiwan ha preso avvio una collaborazione con la designer locale Huang Shu Chi, che possiede una decina di boutique nel Paese e seleziona a ogni stagione numerosi articoli Pierre Mantoux per i suoi punti vendita.
Alla già strutturata presenza in Giappone, Cina e Corea (sul 40% di fatturato generato dall’export, il 30% si realizza in quest’area) si aggiunge ora dunque Taiwan.
“L’appeal del prodotto Pierre Mantoux è certamente globale e trasversale - commenta Chiara Ferraris, responsabile per l’estero del brand milanese - ma in Estremo Oriente si rivela ancora più incisivo e vincente, perché incontra con naturalezza l’approccio all’eleganza della consumatrice locale, basato su una speciale cura per il particolare e dunque per l’accessorio di pregio. Non a caso, stiamo già valutando l’apertura di nuovi corner a Pechino e in Corea”.
e.a.
stats