Pineider apre da Bergdorf Goodman, nuovo concept per i negozi di Milano e Firenze

Momento importante per Pineider: sabato 26 ottobre è stata inaugurata la boutique newyorkese al settimo piano di Bergdorf Goodman. Completamente ristrutturati il negozio milanese di via Manzoni 20, la cui nuova veste viene presentata domani, e quello di piazza della Signoria a Firenze, che viene inaugurato dopodomani.
Fondata nel 1774 nel capoluogo toscano da Francesco Pineider, questa azienda - famosa nel mondo grazie alla carta da lettera fatta a mano con la stampa a rilievo, ma anche alla lavorazione della pelle per oggetti da scrivania e valigette - è stata acquistata nel 2000 dal Gruppo Hopa.
Ora Hopa sta rilanciando il marchio, intervenendo sia sul prodotto sia sull’immagine. La stilista americana Rebecca Moses - presente tra l’altro all’opening della boutique di New York - è stata chiamata per la direzione creativa dell’azienda, con l’incarico di ampliare la gamma di prodotti.
Infatti è stata sviluppata, in particolare dallo scorso aprile, una serie di articoli sul leitmotiv "Arte di vivere": proposte dal design pulito e dai colori originali, come borsoni in pelle, borse anche portacomputer, cestini in vimini, oggetti per la tavola, pezzi di arredamento, soffici coperte. Non manca poi una serie di candele e fragranze per la casa, che perfettamente si amalgamano con il core business di Pineider.
Quanto ai punti vendita di Milano e Firenze, obiettivo del restyling è stato connotarli come confortevoli "case" di lusso, con una zona dedicata alla scrittura a pianterreno, al primo piano l’area focalizzata sul "ricevere" nelle quattro pareti domestiche (quindi cristalli, servizi di piatti, l’angolo bar, la stanza dei bimbi e quella della donna) e, al secondo, lo studio di lui con camino, poltrone in cuoio e grande scrivania. Sempre il secondo piano ospita lo spazio sul matrimonio e la lista di nozze. Tutti i mobili che arredano queste "case-negozio" sono in vendita al pari dell’oggettistica.
a.g.
stats