Piquadro si rafforza nei mercati esteri

Piquadro rafforza la propria presenza sui mercati stranieri con l’apertura di nuovi corner e di un quarto monomarca anche grazie ai buoni risultati di bilancio. L’azienda bolognese, specializzata in articoli di pelletteria, ha chiuso il primo semestre con un incremento del fatturato del 29%.
Un ulteriore segnale positivo che conferma l’andamento registrato dal brand nel 2004 archiviato con ricavi pari a 17,8 milioni di euro (+13% rispetto al 2003), un utile netto di 1,42 milioni di euro euro e un margine operativo lordo che è aumentato del 41% rispetto all’anno precedente.
"Piquadro ha costruito nel tempo il suo successo - ha detto Marco Palmieri, presidente e amministratore delegato della società fondata nel 1987 -. Abbiamo investito nell’acquisizione di una fabbrica nel distretto di Shenzhen, in Cina, dove è dislocata parte della produzione, con l’obiettivo non soltanto di contenere i costi, ma anche di salvaguardare i nostri brevetti e lo standard qualitativo dei nostri prodotti, a fronte del tema ormai sempre più scottante della contraffazione". "Ora pensiamo al Far East - ha proseguito Palmieri - non solo come bacino produttivo ma anche come mercato internazionale in continua espansione, che conta oltre 30 nuovi corner installati fra Europa e Asia nei primi sei mesi del 2005". A fine ottobre è prevista l’apertura del quarto monomarca Piquadro all’estero, all’interno dell’aeroporto di Monaco di Baviera.
v.s.
stats