Piquadro: utili annuali in calo, lieve incremento del fatturato

Il cda di Piquadro ha approvato il bilancio dell’esercizio 2009/2010, chiuso il 31 marzo scorso: il fatturato consolidato è cresciuto dell’1%, attestandosi a 52,2 milioni di euro, mentre l’utile netto è sceso del 5,3% a 7,1 milioni. In calo ebitda (-4,2% a 13,8 milioni) ed ebit (-5,6% a 11,8 milioni). +3,2% le vendite nell’ultimo quarter.
L’incremento del fatturato annuale, spiega una nota, è riconducibile alle performance del mercato domestico (+2,8% a 41,7 milioni) e della divisione “Resto del mondo”, l’area extraeuropea che include il Far East (+51,7% a 3,2 milioni, grazie al dinamismo di Cina, Hong Kong e Taiwan). A trainare i risultati, le vendite nei dos che, con i dieci nuovi opening (uno in Italia e nove in Estremo Oriente), hanno registrato un progresso del 39%, rispetto all’anno fiscale concluso il 31 marzo 2009.
A fine marzo 2010, la posizione finanziaria netta della società di Silla di Gaggio Montano (Bo), specializzata in pelletteria e accessori, era negativa per 5,3 milioni di euro (in miglioramento di oltre 5 milioni rispetto all’indebitamento di 10,4 milioni di un anno prima). Il cda di Piquadro, si legge in un comunicato, proporrà alla prossima assemblea ordinaria la distribuzione di un dividendo di 0,08 euro per azione.
Il gruppo prevede una crescita dimensionale del turnover nell’esercizio che terminerà il 31 marzo 2011, generata dal canale degli store diretti (per effetto principalmente di nuove aperture e dei negozi avviati nel fiscal year precedente), oltre a un andamento migliorativo delle dinamiche di vendita wholesale.
d.p.
stats