Pitti Filati 66: lo Spazio Ricerca dice "no"

Novità in vista per la 66esima edizione di Pitti Immagine Filati, in programma dal 27 al 29 gennaio in Fortezza da Basso a Firenze. Obiettivo puntato sullo Spazio Ricerca, che rinnova il concept e il layout, sul filo conduttore delle molteplici valenze di una semplice parola: "no". La rassegna sarà affiancata per la seconda volta da Prima Moda Tessuto, progetto promosso dal consorzio Pratotrade.
"La forza di Pitti Filati è nel suo essere un laboratorio, un osservatorio privilegiato delle tendenze della moda futura – spiega Agostino Poletto, vice direttore generale di Pitti Immagine –. Per questo motivo lo Spazio Ricerca entrerà maggiormente nel vivo del salone, spostandosi al piano inferiore del padiglione centrale e diventando un tutt’uno con l’area collezioni".
Titolo e tema dello Spazio Ricerca 2010 sarà "No": una provocazione ironica messa a punto con la direzione artistica di Angelo Figus, fashion designer, e di Nicola Miller, esperta in maglieria, con l’allestimento di Alessandro Moradei. "No", un invito a rifiutare le imposizioni della società consumistica, si declinerà in cinque percorsi interni al piano inferiore: "No e-mail", write me a letter", "No restaurant, bake me some bread", "No supermarket, I will grow some greens", "No washing machine, I will do it by hand" e "No car, let’s go for a walk".
In concomitanza con Pitti Filati 66, alla Stazione Leopolda andrà in scena Vintage Selection, la mostra-mercato di abbigliamento, accessori e oggetti di design d’antan, realizzata in collaborazione con A.n.g.e.l.o.. L’evento darà vita a una differenziazione più netta tra le collezioni lusso e la moda formale, con le sezioni Luxury Collections e Sportswear Collections.
m.c.
stats