Pitti Immagine Bimbo: Chiara Boni e Madisom Moda lanciano Biogym

"Il comparto della moda bambino, malgrado abbia retto bene alla flessione negativa delle ultime due stagioni, può vincere la scommessa della ripresa solo se ripensa ai suoi modelli produttivi in chiave eco-etica". La pensa così Federico Culin, a.d. della Madisom Moda - già produttrice di Chiara Boni Girl - che ieri a Pitti Immagine Bimbo ha presentato, insieme alla stilista, la nuova capsule collection "verde" Biogym.
Si tratta di una linea “interamente prodotta e confezionata in Italia con tessuti biologici nel rispetto delle norme comunitarie per la riduzione delle emissioni nocive - ha spiegato Culin -. Un primo esperimento in questa direzione della stilista Chiara Boni, una scommessa per il futuro che crediamo sia apprezzata dai buyer italiani e stranieri presenti a Firenze. Un modo di concepire il prodotto per l'infanzia che giudichiamo strategico, perché destinato a decollare nei prossimi anni”.
Otto in tutto i capi in jersey biologico della capsule presentata in Fortezza da Basso. “Sono pezzi facili da indossare come tute da ginnastica, felpe e T-shirt - aggiuge Culin -. La qualità del prodotto prevede l’utilizzo di materiali preziosi come il cashmere. Questo giustifica il prezzo al dettaglio, che si colloca in una fascia medio-alta”. Ovvero, dai 40 euro per una maglietta ai 150 per un capospalla.
La label sarà distribuita in Italia e all'estero. “Ancora non esiste il progetto di negozi monomarca per questo brand e crediamo che sia prematuro parlarne - conclude - anche se non escludiamo nel futuro di percorrere questa strada, soprattutto nelle grandi città. Per quanto riguarda l’export confermiamo il grande interesse degli Stati Uniti, mentre stiamo ancora valutando se affrontare la Russia, che ha molto subito la contrazione dei mercati”.
l.a.
stats