Pitti Immagine Bimbo: circa 7mila i compratori

Pitti Immagine Bimbo, la tre giorni sulla moda infantile che ha chiuso i battenti sabato alla Fortezza da Basso di Firenze, ha totalizzato quasi 10mila presenze. In particolare, i compratori sono stati 6.900 e i punti vendita 3.320.
Nonostante il prevedibile calo nel numero dei buyer, che l’anno scorso avevano superato le 7.600 unità, e delle boutique (a quota 3.589 sempre nel giugno 2008), l’amministratore delegato di Pitti Immagine, Raffaello Napoleone, si dichiara soddisfatto e sottolinea il livello qualitativo degli operatori, “portavoce di tutti i negozi e department store più importanti sulla scena internazionale: Barneys (New York), Harrods (Londra), Isetan (Tokyo), Galeries Lafayette (Parigi), Bosco di Ciliegi (Mosca), Harvey Nichols (Riyadh), Saks Fifth Avenue (Dubai) e Villa Moda (Kuwait), solo per citarne alcuni”.
Napoleone riporta anche alcuni commenti raccolti in Fortezza: per esempio, Odile Morvan (Galeries Lafayette) indica Pitti Bimbo come uno strumento indispensabile per avere una visione davvero globale del mercato, mentre Annalise Quest di Harrods afferma che venire a Firenze è strategico per avere una panoramica sulle nuove tendenze e Helen Abraha di Harvey Nichols definisce la rassegna “numero uno” per il settore di riferimento. Il prossimo appuntamento con la kermesse è fissato dal 21 al 23 gennaio 2010.
a.b.
stats