Pitti Immagine Bimbo: una fisionomia sempre più internazionale

Firenze, 2-4 luglio 2004: la 59esima edizione di Pitti Immagine Bimbo andrà in onda alla Fortezza da Basso con 451 marchi di childrenswear (dei quali 181 stranieri) proposti da 319 aziende. In scena, la moda in piccole taglie per la primavera-estate 2005 e un ricco carnet di appuntamenti à côté. Quaranta le new entry e sette le sfilate in programma.
Una manifestazione, hanno spiegato gli organizzatori alla conferenza stampa per la presentazione della prossima edizione di Pitti Immagine, che sta acquistando una fisionomia sempre più internazionale: all’ultimo rendez-vous le collezioni estere hanno rappresentato il 32,4%, con una presenza relativa ai compratori stranieri in crescita di quasi il 6% rispetto al gennaio 2003. Un trend confermato anche per l’appuntamento di giugno: delle 100 richieste di ingresso da parte di nuove aziende, il 70% proviene proprio da oltreconfine.
All’interno delle quattro sezioni – Pitti Bimbo (con le “grandi firme” della moda infantile), Sport Generation (con il jeans e l’activewear), New View (con le collezioni di ricerca) e Kids’ Design (con l’oggettistica ed elementi d’arredo) – debutteranno quaranta nuove etichette (tra ingressi e “rentrée”), tra cui Anne Kurris, Bebe Parfume-Prodotti Cosmetici, Burberry, Carlo Pignatelli, Collections du monde, Dkny-Donna Karan, Elle, Gai Mattiolo, Jeckerson, Kenzo, Lego Wear, Levi’s, Megan Park Girl, Nike, Small is beautiful, Timberland e Vilebrequin.
Fitto anche il carnet di happening che per tre giorni trasformeranno Firenze nella mecca del business per l’abbigliamento in piccole taglie: sette i défilé in programma con le proposte di Parrot, Ki6?, Dkny-Donna Karan, Kenzo, Monnalisa, Laura Biagiotti Dolls, Miss Blumarine, Patty Shelabarger e Alviero Martini, e numerosi gli eventi che animeranno la città, da quello organizzato dalla griffe I Pinco Pallino (ancora top secret) a quelli offerti da Levi’s (new entry alla sezione Sport Generation), Altana, Oilily e da Diesel Kids (che alla Stazione Leopolda festeggia i suoi vent’anni). Senza dimenticare la sfilata che il Comitato Dash Missione Bontà dedicherà al progetto “Ospedale Amico”: un’iniziativa organizzata in collaborazione con il Meyer di Firenze dedicata ai bambini ricoverati negli ospedali, che porterà sulla passerella una collezione di camici per medici e infermieri ispirata ai disegni dei piccoli (una cinquantina di modelli selezionati tra 2.791 disegni pervenuti al Comitato Missione Bontà). Giunto alla sua seconda edizione, il progetto è nato con l’obiettivo di realizzare sale gioco e formare volontari negli ospedali pediatrici italiani.
a.t.
stats