Pitti Immagine Uomo: novità ed eventi della prossima edizione del salone fiorentino

È stato presentato oggi a Milano il fitto calendario di eventi e iniziative di Pitti Immagine Uomo, la kermesse dedicata alla moda maschile per la primavera-estate 2009, in scena dal 18 al 21 giugno prossimi nel capoluogo toscano.
Un appuntamento irrinunciabile e una vetrina unica nel suo genere: nel suo discorso introduttivo, il presidente della rassegna Gaetano Marzotto ha sottolineato come il made in Italy e le aziende presenti a Pitti rappresentino quell’"affordable elegance”, asset strategico fondamentale per far fronte all’attuale scenario macroeconomico certamente non roseo.
Raffaello Napoleone, ceo di Pitti Immagine, ha aggiunto: “Pitti Uomo è la piattaforma internazionale che ha saputo affiancare all’attenzione per le aziende consolidate, per quelle realtà di mercato maggiormente orientate al prodotto e a un approccio più commerciale, la migliore selezione di label di nicchia e giovani progetti di ricerca”.
Un appuntamento marcherà indelebilmente la rassegna per la sua valenza “storico-rappresentativa”: la spettacolare celebrazione per i 50 anni dell'azienda mantovana Corneliani, on schedule il 17 giugno presso Palazzo Capponi all’Annunziata. “Perché la crescita del Pitti Uomo si è intersecata con la storia della Corneliani” ha chiosato Raffaello Napoleone.
E poi il ritorno giovedì 19 giugno di Hugo Boss a Firenze con la sfilata-evento della Boss Orange Woman and Men’s collection primavera-estate 2009.
Sempre giovedì 19 l’attesissimo debutto fiorentino del menswear per l’estate 2009 di Walter Van Bereindonck, eccentrico designer belga che sfilerà al giardino del Museo Stibbert. In giornata anche l’inaugurazione della boutique fiorentina Ballantyne, celebrata in collaborazione con Pitti Immagine e in tarda serata il fashion party after hour - capsule collection inclusa - della stravagante designer londinese Carri Mundane, per il suo label Cassette Playa.
Da segnalare inoltre Puma by Mihara Yasuhiro & Dress for Playstation@3 (preview in esclusiva mondiale del nuovo software sviluppato da Sony), il lancio della new collection e dello shoe project di Italia Independent by Lapo Elkann, un nuovo progetto esclusivo presentato da Dirk Bikkembergs (mercoledì 18 giugno, Stazione Leopolda), la mostra-retrospettiva per il cinquantesimo anniversario della Sundek (sempre il 18 giugno alla Palazzina Presidenziale) e un'iniziativa di Adidas in collaborazione con Porsche. In tema di “jeanswear”, grandi eventi sia per celebrare il brand Lee, sia per l’iniziativa “501@jeans per Luisaviaroma”, in concomitanza con l’inaugurazione dello nuova sede dello store.
Questa edizione di Pitti Uomo ha anche come tema-layout “Free cycle – free mobility”, la mobilità ecosostenibile: protagonista la bicicletta, in mostra con una mega installazione ideata da Oliviero Baldini dentro la Fortezza da Basso. Da citare anche "The Cloud" una struttura di forma sinuosa che contiene centinaia di sensori e più di 15.000 fibre ottiche lunghe complessivamente 65 chilometri: sfiorandole con le dita forniranno informazioni e suggestioni sulla rassegna.
Tra la nutrita serie di iniziative, al Lyceum si terranno la decima edizione di New Beat(s), area che Pitti Uomo riserva ai debutti dei giovani talenti, e Welcome to my house, con brand che incentrano la loro ricerca sullo street style e al groundfloor floor del Palazzo degli Affari Rooms n.8 con il percorso Rooms Infinity - curato da Sergio Colantuoni - alla riscoperta di nuove interpretazioni del concetto di lusso.
Il calendario si arricchisce, inoltre, di eventi quali “Stefano Ricci Heritage Trophy”, una mostra-installazione fotografica dal titolo “Gold Dream”, a cura di First (l’allegato di Panorama), e tante altre iniziative delle aziende partecipanti a Pitti Uomo, alcune ancora da svelare: fra quelle già definite, la “Backstage performance” per presentare la collezione maschile di Mason’s, la sfilata uomo di Messaggerie presso Palazzo Strozzi, il cocktail esclusivo di Pal Zileri al Colle Bereto, il raffinato dinner organizzato da Brunello Cucinelli a Villa Mezzomonte, la tradizionale serata di gala firmata Classico Italia al Cortile dell’Ammannati in Palazzo Pitti, il dinner organizzato da Gherardini in Piazzale Michelangelo. Tra i party-evento: Amazonlife, nuovo progetto del gruppo Braccialini e il glitterato “Army – Sweet Years Party”.
"Una così ampia scelta di happening, dentro e fuori le tradizionali location della Fiera - ha spiegato Napoleone - è frutto di una precisa scelta strategica che vuole portare il salone a dialogare sempre più con la città”.
Infine i numeri di questa 74esima edizione: 688 aziende circa 840 i marchi di cui 276 stranieri (33% del totale). Numerosi i nuovi ingressi e i rientri.
d.p.
stats