Pitti Immagine Uomo: parte domani la grande kermesse di moda e mondanità

Parte domani a Firenze Pitti Immagine Uomo, la più grande manifestazione italiana della moda maschile: 681 aziende espongono le novità per la primavera-estate 2004 di 760 marchi, fra i quali 266 provenienti dall’estero. Stasera il primo evento di rilievo, la sfilata di Maurizio Galante Uomo a Palazzo Pitti per i 20 anni della Galleria del Costume.
53 i nuovi ingressi e sei i rientri al salone, che occupa come di consueto gli spazi della Fortezza da Basso e si protrae fino a domenica 22 giugno: da segnalare, per citarne alcuni, Cristiano Fissore, French Connection, Murphy & Nye Crew, Nautica, Nicole Farhi, Parasuco Cult, René Lezard, Saverio Palatella, The North Face e PF-Flyer, linea dell’americana New Balance che per l’occasione lancia una collezione di abbigliamento.
Questa è solo una delle innumerevoli novità che animano la rassegna, fra cui il debutto delle proposte al maschile di Juicy Couture dall’America, quello di We R-Replay in casa Replay/Fashion Box, la "primissima" di Tretorn, un progetto sul tenniswear che porta la firma di Puma e un’inedita collaborazione fra Incotex, Montedoro e Zanone.
La rappresentanza straniera in fiera (266 brand su 760, pari al 35% del totale) è guidata dagli inglesi (103), seguiti a distanza da statunitensi (44) e francesi (40).
Sul fronte appuntamenti à côté non c’è che l’imbarazzo della scelta: si parte stasera con la celebrazione dei vent’anni della Galleria del Costume di Palazzo Pitti, accompagnata dall’attesa performance di Maurizio Galante che manda in passerella modelli per l’uomo oltre che per la donna. Ospite d’onore: Valentina Cortese.
Anche Hussein Chalayan, di scena domani sera al Teatro della Pergola, battezza ufficialmente il suo menswear con una presentazione in forma di film sul tempo e la memoria.
Il 20 giugno alle 11.30 in Fortezza da Basso viene conferito il premio Pitti Immagine Uomo a una storica realtà del made in Italy, Canali. Corollario di questo appuntamento, un incontro fra il presidente di Confindustria Antonio D’Amato e i giornalisti.
Sempre il 20 giugno, alle 18 presso la Stazione Leopolda, si celebra il mondo creativo di Fake London.
Ma altri avvenimenti costellano una kermesse decisamente "calda", sia dal punto di vista della mondanità, sia perché rappresenta un’importante cartina di tornasole su una situazione di mercato dai contorni incerti.
a.b.
stats