Pitti Immagine: presentate a Milano tutte le novità dei prossimi saloni

Pitti Immagine Uomo, Pitti Immagine Bimbo e Pitti Immagine Filati: il trio fieristico di scena a Firenze tra la fine di giugno e l’inizio di luglio anche in questa edizione ha in programma numerosi happening e novità a 360 gradi. A partire da Pitti Uomo, alla Fortezza da Basso dal 22 al 25 giugno, contenitore creativo anche per la mostra “L’Altro Jeans. Il faut laver le jean de ses idées”, dedicata al percorso stilistico di Marithé e François Girbaud, il concerto-evento “Pitti Jun-E-motion” e il progetto in tre parti “Raf Simons 1995-2005”.
Il management di Pitti Immagine al completo – Gaetano Marzotto, Raffaello Napoleone, Agostino Poletto e Lapo Cianchi – con la moderazione dell’ex assessore alla cultura del Comune di Milano Salvatore Carrubba, ha infatti illustrato in anteprima tutte le novità che caratterizzeranno la 68esima edizione di Pitti Immagine Uomo, dedicata alle proposte dell’abbigliamento maschile per la primavera/estate 2006. Stili diversi e molteplici mondi d’espressione sintetizzati alla rassegna in dieci sezioni, che si richiamano ai tre grandi filoni del classico (Pitti Uomo, Futuro Maschile, Uppercasual, Affinità Elettive), dell’informale (Sport & Sport, Ynformal, New Beat(s), Urban Panorama) e dell’avanguardia (L’Altro Uomo, Fashion/Design). Non mancherà la seconda edizione di Pitti Immagine Rooms, in programma nelle Limonaie di Palazzo Corsini sul Prato.
Programmatico il titolo-tema della manifestazione, alla quale sono attesi 24.000 visitatori: “Stress Fresh”, che punta a trasformare la Fortezza da Basso in luogo di entertainment d’acqua, d’arte e colori. Un percorso curato da Laboratorium con Lorenzo Stralanchi che promette di alleviare i visitatori dallo stress della kermesse. Già, perché anche in questa edizione, le collezioni da vedere e gli appuntamenti a cui non mancare sono tantissimi: 633 le aziende presenti, 785 i marchi, dei quali 283 esteri (36% del totale), 50 le new entry (tra cui Belfe, Gentry Portofino, Guy Rover, Krizia Uomo, Lotto Designer Cut, solo per citarne alcuni), un tourbillon di incontri dentro e fuori la Fortezza.
Fra questi, tre gli eventi speciali realizzati da Pitti Immagine: la sera di mercoledì 22 giugno viene inaugurata alla Stazione Leopolda “L’Altro Jeans. Il faut laver le jean de ses idées” (dal 23 giugno al 10 luglio), una storia della tela indigo come espressione di un modus vivendi, raccontata attraverso il percorso stilistico compiuto dai due designer francesi Marithé e François Girbaud; il concerto-evento, sempre alla Stazione Leopolda, “Pitti Jun-E-motion” di giovedì 23 giugno, con due artisti-icona della dj culture come Howie B. (designer anche del nuovo marchio Hvana, nato in collaborazione con Fornari) e Dj Spooky. Un’iniziativa, quest’ultima, che nelle intenzioni degli organizzatori dovrebbe costituire il “numero zero” di una sorta di “festival” musicale per accompagnare le edizioni estive di Pitti Immagine; l’evento in tre parti “Raf Simons 1995-2005”, una video-installazione, una monografia e una sfilata negli spazi del Giardino di Boboli per festeggiare i dieci anni della carriera del designer belga.
Pitti Uomo diventerà per l’occasione anche teatro per la presentazione in anteprima di iniziative pronte al lancio sul mercato: da segnalare sono il progetto “Raf by Raf Simons”, con il quale lo stilista ripropone gli stilemi caratteristici che hanno fatto lo stile Simons in versione moderna, la collezione sartoriale Y Yohji Yamamoto, ideata dal grande maestro orientale secondo i criteri rigorosi della tradizione e della produzione made in Italy, nonché due progetti legati alla nautica: Riva (collezione di abbigliamento, accessori e oggetti ispirati a uno dei più noti brand di nautica nel mondo) e la nuova linea ufficiale della 32nd America’s Cup, realizzata da Murphy&Nye.
Tra i numerosissimi happening di questa 68esima edizione si inseriscono anche la consegna del Premio Fabio Inghirami dedicato ai giovani talenti emergenti della moda (giovedì 23 giugno), la mostra fotografica di Ruy Teixeira “Scatto Sottsass-Omaggio a Ettore”, a cura di Allegri e dedicata al grande designer italiano, e l’evento di Simbols Culture, ispirato al divo del cinema Rodolfo Valentino. Nello Spazio Alcatraz dello Spazio Leopolda, invece, il mensile Max racconta i suoi vent’anni con la mostra “Max, vent’anni di moda. 1995-2005 – Immagini di un uomo”, con inaugurazione il 23 giugno. Mentre il 21 si inaugura al Museo del Tessuto di Prato la mostra “Jeans! Le origini, il mito americano, il Made in Italy” (22 giugno-30 novembre 2005), che ripercorre la storia del denim dalle origini fino ai giorni nostri, dall’America alla Toscana.
a.t.
stats