Pitti Uomo chiama Roberto Cavalli. Sfilata in vista a giugno o a gennaio

L'annuncio ufficiale potrebbe arrivare domani con la conferenza di presentazione dell'edizione numero 82 di Pitti Uomo. Roberto Cavalli (nella foto), che come al solito studia grandi cambiamenti, vuole tornare a sfilare a Firenze con la linea maschile, ma non è chiaro se riuscirà a farlo già a giugno. "Forse non avremo i tempi tecnici per organizzare al meglio l'evento - assicura lo stilista a fashionmagazine.it -. Nel qual caso riproveremo a gennaio".
A parlare di un ritorno a casa della maison all'interno del calendario di Pitti Uomo (si parla di una sfilata il 20 di giugno) era stata per prima Eva Cavalli in un'intervista pubblicata da La Nazione di oggi. "Abbiamo deciso di ripresentarci a Firenze per passione e per l'affetto che abbiamo per la nostra città. E forse oltre ai modelli presenteremo anche qualche flash della pre-collezione donna".
Ma a mettere in discussione, a poche ore dalla conferenza stampa, l'ingresso in calendario è la possibilità per Cavalli di ottenere la location desiderata per la sfilata: il Tepidarium. "Eva si è fatta prendere dall'entusiasmo - ha proseguito Cavalli -. Il progetto con Pitti esiste, ma non è detto che ci siano da subito i presupposti per realizzarlo al meglio. Al 90% a giugno sfileremo a Milano, vedo più probabile la trasferta in Toscana a gennaio".
Intanto gli organizzatori di Pitti sono al lavoro per assicurarsi la presenza dello stilista già per l'edizione estiva e assicurano maggiori dettagli sull'iniziativa domani.
an.bi.
stats