Pitti Uomo: lo special guest è Walter Van Beirendonck

In attesa della conferenza stampa del 15 maggio, ogni giorno si aggiunge un nuovo tassello a delineare la fisionomia del prossimo appuntamento con Pitti Immagine Uomo, in programma a Firenze dal 18 al 21 giugno. È di oggi la notizia che lo special guest di questa settantaquattresima edizione sarà Walter Van Beirendonck: per la prima volta l'enfant terrible della moda belga sfilerà in Italia, presentando in anteprima assoluta la sua menswear collection per l'estate 2009.
In un calendario che accenderà i riflettori su personaggi come Diane von Furstenberg (in scena a Pitti W_Woman Precollection) insieme a solide realtà industriali come Corneliani e Hugo Boss, pronte ad allestire eventi in grande stile, spicca dunque il più eccentrico tra gli "Antwerp Six", i sei designer che a partire dagli anni Novanta hanno fatto di Anversa una delle fashion capital internazionali.
C'è attesa, dunque, per vedere con quali "effetti speciali" lo stilista - in passerella la sera del 19 giugno, in una location sulla quale i portavoce di Pitti mantengono il massimo riserbo - riuscirà a catturare l'attenzione del selezionato pubblico di giornalisti, vip e buyer ammessi al suo show.
La fantasia sicuramente non manca a quello che Linda Loppa (dean di Polimoda Firenze e già direttore del Fashion Department della Royal Academy of Fine Arts di Anversa) ha definito "un allievo ideale, un ribelle ideale, un insegnante ideale, un (fashion) designer ideale...un professionista tout court", il cui campo d'azione spazia dagli oggetti agli accessori, dalle bambole ai libri, fino all'allestimento di esposizioni e altri happening e, soprattutto, alla creazione di abiti per tutti: adulti, bambini, vip, amici, avatar.
Filo conduttore di un'attività ormai ventennale, "il rigore e la fedeltà alla propria poetica - si legge in una nota di Pitti - grazie ai quali Van Beirendonck si è imposto come uno degli innovatori più coraggiosi della moda contemporanea, dando vita a uno stile fuori dal coro, sempre moderno e sempre inattuale".
a.b.
stats