Pitti: all'edizione maschile di Who is on Next? vincono Umit Benan e Max Kibardin

Umit Benan e Max Kibardin: sono questi i nomi dei due giovani designer che stamani, a Firenze, hanno vinto il premio, rispettivamente come migliore collezione di prêt-à-porter e migliore proposta di accessori, della prima edizione del concorso Who is on Next? Uomo.
La competizione, nata dalla collaborazione tra Pitti Immagine Uomo, Alta Roma e L’Uomo Vogue, ha lo scopo di cercare nuovi talenti nel panorama maschile e fare da cerniera tra creatività e imprese.
La premiazione si è tenuta nel Giardino di Villa Vittoria, adiacente alla Limonaia, location scelta per l’allestimento delle sette collezioni finaliste. La giuria, composta da buyer, stampa e operatori del settore, ha inoltre assegnato una menzione speciale a Leitmotiv, brand ideato da Fabio Sasso e Juan Caro, per la qualità della ricerca sulle stampe.
Ai due vincitori va una somma di 5mila euro, oltre alla possibilità di essere presenti alla prossima edizione di Pitti Uomo nel gennaio 2010; Unit Benan con una sfilata e Max Kibardin con una presentazione dei suoi accessori.
Benan, tedesco di nascita, dopo aver collaborato con Marc Jacobs e aver ricoperto il ruolo di head designer di Cacharel Uomo, nel 2008 ha deciso di mettersi in proprio. La sua linea primavera-estate 2010 è un total look ispirato a Cuba.
“Non mi aspettavo questa vittoria - afferma lo stilista –. Tutti gli altri finalisti sono veramente bravi e aver vinto significa iniziare un duro percorso per la realizzazione di una collezione che dovrà sfilare a Firenze il prossimo gennaio”. Kibardin, che vanta collaborazioni con Alberto Biani e Pollini, ha istituito il suo brand nel 2004. Per la prossima stagione calda si è ispirato ad Alain Delon nel film “La Piscine”, con scarpe dai colori vivaci, declinati in materiali preziosi come il coccodrillo, lo struzzo o il camoscio intrecciato a mano.
“Per me questa è un’occasione unica" afferma il giovane designer siberiano, ormai milanese da dieci anni e prosegue: "Dare la possibilità a un giovane come me di essere a contatto con i più importanti nomi della moda è veramente il premio più grande per ripagare tutti gli sforzi fatti finora”.
m.m.
stats