Polo Ralph Lauren: numeri in crescita nel fiscal year ma il quarter delude

La fashion house Polo Ralph Lauren ha terminato l’esercizio fiscale con ricavi pari a 5,7 miliardi di dollari, in aumento del 14% rispetto all’anno prima: una performance sostenuta dal +19% nel retail e dal +10% del wholesale. Sotto le attese degli analisti l’ultimo quarter.
Nei 12 mesi, che però si confrontano con un bilancio precedente che comprendeva una settimana in più, il risultato operativo ha fatto un balzo in avanti del 20% a 845 milioni di dollari, così l’utile annuale ha raggiunto quota 568 milioni (+18%). Nell’ultimo quarter, invece, la corporation di New York ha visto salire il turnover del 7% a 1,4 miliardi di dollari, ma l’incremento dei prezzi delle materie prime ha pesato sul gross profit margin e l’ebit è sceso da 172 a 117 milioni (sul valore incidono anche le maggiori spese a sostegno dell’espansione del business). Di conseguenza, nei tre mesi (di 13 settimane, dalle 14 di un anno prima) i profitti si sono ridotti da 114 a 73 milioni, equivalenti a 74 centesimi di dollaro per azione, dai 79 centesimi stimati dalla media degli analisti (in accordo con quanto riporta Thomson Reuters).
A commento dei risultati, il chairman e ceo Ralph Lauren ha ricordato che nel fiscal year 2011 il gruppo ha completato l’acquisizione delle attività in Asia e al momento sta ridefinendo le strategie per lo sviluppo del marchio in questo importante mercato. Il nuovo esercizio è visto come un’opportunità unica di accelerare gli investimenti, per supportare la crescita di lungo periodo, in particolare nei mercati internazionali.
Resta però l’interrogativo del trend dei prezzi del cotone e dell’andamento dei consumi in Sol Levante dopo il terremoto dello scorso marzo. Tenendo conto di queste due variabili il gruppo ha stimato margini operativi derivanti dall’attività ordinaria stabili nel primo trimestre del nuovo anno fiscale e in calo tra l’1 e l’1,5% su base annuale. Le vendite dovrebbero invece aumentare in un range “mid-20%” nel quarter e “mid-teens” nei 12 mesi.
e.f.
stats