Pomellato lancia a Parigi il nuovo concept

Il marchio della gioielleria made in Italy Pomellato festeggia oggi la riapertura della boutique di Parigi da Georges, al Centre Pompidou. Il concept sviluppato per il punto vendita parigino caratterizzerà gli opening che l’azienda progetta in Italia e all’estero, forte dei risultati ottenuti in termini di fatturato, in un momento non facile per il settore.
In una recente intervista Francesco Minoli, amministratore delegato di Pomellato, ha dichiarato di prevedere per fine anno una crescita di fatturato del 12%. Un risultato particolarmente brillante, se si considera l’eccezionale balzo in avanti messo a segno nel 2002 con un incremento del 26,6% del giro d’affari, raggiunto in parte grazie alle vendite realizzate con la linea giovane DoDo.
L’azienda - fondata nel 1967 da Pino Rabolini e tuttora saldamente nelle mani della famiglia e del patto di sindacato, cui fa capo l’82% del capitale – lo scorso anno ha provveduto a separare Pomellato da DoDo, che oggi rappresenta il 35% del fatturato globale e dimostra particolare dinamismo.
Il concept scelto per le boutique Pomellato di prossima apertura punta a creare un’atmosfera di vendita accogliente e rilassata.
In particolare, il negozio di Parigi (che segue di un mese l'apertura di Barcellona) riproduce un piccolo salotto con due poltroncine di Moroso viola e arancio affiancate da una terza poltrona speciale, realizzata dall’artista cinese Michael Lin e riprodotta in esclusiva per Moroso e Pomellato. Le lampade sono invece di Jacopo Foggini.
L’azienda progetta inoltre la relizzazione di una nuova sede in via Neera, sul Naviglio Pavese, a Milano: uno spazio di 7.500 metri quadri in cui riunire uffici, magazzino e showroom, attualmente sparsi per la città. L’investimento previsto è di 14 milioni di euro.
e.a.
stats