Postalmarket passa alla Bernardi

Dopo una trattativa serrata svoltasi la settimana scorsa a Roma presso il Ministero del Lavoro e il sì dei dipendenti al referendum promosso in fabbrica, Postalmarket, storica azienda delle vendite su catalogo con sede a Peschiera Borromeo (Mi), passa alla Bernardi, società veneta attiva nella distribuzione con circa 150 punti vendita in Italia.
L’atto ufficiale d’acquisto dovrebbe essere firmato entro la prossima settimana, mettendo la parola fine alla travagliata vicenda della storica realtà delle vendite per corrispondenza, da quasi due anni sottoposta ad amministrazione straordinaria.
L’accordo sottoscritto a Roma dalla Bernardi, dai commissari incaricati dal Tribunale, dai sindacati e dal rappresentante del Ministero del Lavoro prevede l’assunzione, da parte della nuova proprietà, di tutti i 570 dipendenti a partire da agosto ed entro 18 mesi, con il prolungamento, per coloro che non saranno immediatamente riassorbiti, della cassa integrazione straordinaria fino al 31 dicembre 2004.
Il reimpiego dei dipendenti della Postalmarket potrebbe avvenire anche in altre attività che il gruppo della distribuzione intende sviluppare. In merito si è parlato della realizzazione di nuovo maxi-centro commerciale.
Quanto al destino dell’azienda delle vendite per corrispondenza, “il nostro obiettivo è rilanciare un tipo di business su basato posta, Internet e tv, un modello distributivo che nessuno propone in Italia”, aveva spiegato Marco Lunazzi, responsabile amministrativo e finanziario della Bernardi, a fashionmagazine.it qualche mese fa, ossia quando il gruppo veneto aveva manifestato interesse verso Postalmarket, rispondendo al bando di vendita e dando inizio alle trattative (vedi fashionmagazine.it del 2 aprile scorso).
e.a.
stats