Ppr: crescono i ricavi, trainati dal lusso

Le griffe spingono i conti di Ppr, gruppo francese del lusso e del retail che ha chiuso il terzo trimestre di quest’anno con una crescita del fatturato del 7,5% rispetto allo stesso periodo del 2004, raggiungendo i 4,2 miliardi di euro, mentre nei primi nove mesi del 2005 il giro d’affari si è attestato a 12,3 miliardi (+5,2%).
Il segmento luxury (che comprende marchi come Gucci, Yves Sain Laurent, Balenciaga, Bottega Veneta) ha registrato nell’ultimo trimestre un fatturato di 784,7 milioni di euro, mettendo a segno una crescita a due cifre (+15,3% su base comparabile), trainata in particolare dai settori pelletteria (+29,1%) e calzature (+19%).
Tra i marchi del gruppo, è Gucci a rappresentare la fetta più grossa, con 459,3 milioni di euro di ricavi (+17,7% su base comparabile), anche se il progresso maggiore in termini percentuali (+72,1%) è stato realizzato da Bottega Veneta, con 45,3 milioni di fatturato. Di segno negativo, invece, sono state le variazioni di Yves Saint Laurent (-2,9) e di YSL Beauté (-1%).
L’incremento del comparto lusso, che si prevede proseguirà nell’ultimo trimestre dell’anno, ha interessato tutte le aree geografche dove è presente il gruppo, con punte del 28,1% in Asia e del 21,2% nel Nord America.
Per quanto riguarda il segmento distribuzione, che rappresenta la voce più importante del gruppo, il giro d’affari è aumentato nel trimestre del 5,8% (raggiungendo i 3,4 miliardi di euro) e del 3,2% nei prmi nove mesi del 2005 (10,2 miliardi).
g.m.
stats