Ppr verso il 100% di Gucci

A seguito dell’Opa lanciata lo scorso aprile per acquisire il controllo totalitario di Gucci Group, Pinault-Printemps-Redoute ha comunicato di avere raggiunto il 99,39% circa del capitale della società. Scaduta lo scorso 20 maggio l’offerta supplementare e superato il tetto del 95% delle quote, il colosso francese del lusso e del retail si prepara ora alle procedure obbligatorie per il buy-out, conformemente al diritto olandese.
Una volta ottenuto il via libera a tali procedure da parte della Corte competente, agli azionisti di Gucci che non hanno aderito all’Opa (il titolo è quotato ad Amsterdam e New York), sarà richiesto di vendere a Ppr tutte le azioni ancora in loro possesso. Nell’operazione sono inclusi anche i residenti in Italia, che non hanno potuto partecipare alla fase iniziale dell’offerta né alla proroga, a seguito del blocco da parte della Consob in via cautelare per ragioni tecniche: Ppr non aveva trasmesso preventivamente la documentazione alla commissione italiana.
e.f.
stats