Prada: ipotesi di ingresso di nuovi soci, mentre la Borsa slitta

Ha recentemente ribadito il progetto di quotarsi in Borsa, non appena i mercati mostreranno un ritorno alla stabilità. Nell'attesa per Prada si ipotizza, oltre all'autofinanziamento, l'ingresso di un socio finanziario di minoranza.
A prospettarlo è l'inserto Plus24 de Il Sole 24 Ore che ricorda come, da tempo, il gruppo guidato da Patrizio Bertelli sia corteggiato dal private equity e da fondi sovrani del Medio Oriente. Il settimanale rivela che l'ipotesi di un nuovo socio sarebbe allo studio di alcune banche d'affari, ma che non sarebbe ancora stata presa in considerazione dalla famiglia Bertelli (che con la famiglia Prada controlla il 95% del capitale del gruppo della moda, mentre il resto è in mano a Banca Intesa Sanpaolo).
L'Ipo serve a dare impulso ai progetti di crescita della società, come ha dichiarato Bertelli alla diffusione del bilancio 2007 (vedi fashionmagazine.it del 31 marzo), ma anche, come indica Plus24, a ripagare parte del debito che ammonta a 1,1 miliardi di euro, 507 dei quali relativi alla società operativa e il resto alla holding olandese di famiglia (per la quale, una prima scadenza importante è nell'estate 2010).
e.f.
stats